Firenze in Love – Tutto il mio itinerario in 3 giorni

Voglio inaugurare questa nuova sezione del blog con uno degli articoli che so già sarà per sempre uno dei miei preferiti, Firenze in Love.
E’ da un po’ di tempo che penso a questa nuova sezione ma programmare, informarsi e alla fine andare a Firenze mi ha convinta a condividere con voi le mie esperienze… magari in qualche modo posso darvi uno spunto in più per i vostri viaggi o semplicemente le vostre gite fuori porta.

Firenze in Love

Perché in Love? Semplice, perché ho prenotato questo viaggetto nei giorni a cavallo con San Valentino e in più ho preso la palla al balzo per festeggiare con il mio ragazzo il nostro primo anniversario. Sono partita il 13 Febbraio e sono tornata la sera del 15 Febbraio.

Prima di tutto, cosa è importate visitare a Firenze?
Se avete 1 o 2 giorni e siete dei camminatori come me vedrete gran parte di questa bella città, tralasciando i musei e alcuni Palazzi carini da visitare.
Adesso vi spiego nei dettagli come ho organizzato i miei 3 giorni.

Vi voglio anticipare che se avete intenzione di dedicare del tempo anche ai musei, palazzi storici e salire sulla Cupola o il Campanile di Giotto dovete per forza prenotare online, uno o due giorni prima al massimo perché i posti sono pochissimi… vi consiglio se potete di prenotare anche 4 giorni prima soprattutto andate in alta stagione.

Ho viaggiato in treno perché non volevo avere la scomodità di dover trovare parcheggio, spostare la macchina e pagare un costo spropositato inutilmente, dato che sapevo già di voler andare a scoprire la città a piedi, anche volendo tutti i punti più importanti si raggiungono così.

Primo giorno – Firenze in Love

Firenze in Love - Tutto il mio itinerario in 3 giorni joliedee

Il viaggio in treno è durato poco più di 3 ore, considerando però 40 minuti di attesa per il cambio a Milano; è stato un viaggio molto rapido e senza stress e il costo si aggira intorno ai 30€ a persona ma se prenotate con qualche giorno di anticipo in più spenderete ancora meno.

Arrivati alla stazione S.M. Novella di Firenze ci siamo diretti verso il B&B Bellevue in Via della Scala 21 che si trova vicino alla stazione ma al tempo stesso anche alle vie del centro e verso il Duomo.
Lì ho potuto “abbandonare” la mia valigia e grazie ad Alessandro, il proprietario del B&B, abbiamo avuto una cartina della città e qualche dritta su dove andare a fare colazione e info per il pranzo e la cena.
Se non sapete dove alloggiare vi consiglio questo posto, la gentilezza, la disponibilità e la tranquillità che troverete qui sono indescrivibili.
Grazie a lui ho anche scoperto che proprio davanti al B&B c’è una delle più importanti profumerie, l’Officina Profumeria di Santa Novella.
Qui se potete dovete passarci, anche se come me sapete di non acquistare nulla, il bello di questo posto è che si entra in un negozio un po’ all’antica, un vero e proprio laboratorio della bellezza con boccette, profumi artigianali e saponi creati su misura per ogni cliente… una vera chicca per tutti gli orientali che visitano Firenze, infatti trovate il negozio invaso proprio da loro ^-^.

Da qui partono ufficialmente i miei tre giorni Firenze in Love.
Ci siamo diretti verso il centro, volevo vedere la Cattedrale, dopo tutte le foto di amiche e conoscenze su IG, volevo essere anche io lì in quella piazza.
Dal B&B alla Cattedrale sono circa 9 minuti a piedi, così abbiamo potuto vedere dall’esterno anche la Basilica di Santa Maria Novella, in pieno stile di fiorentino.
La piazza con la Cattedrale di Santa Maria del Fiore, il Campanile di Giotto e il Battistero mi hanno lasciata senza parole, dal vivo sono maestosi e bellissimi.
Ho voluto subito scattare qualche foto e dopo aver ammirato un pochino il posto siamo andati verso il Palazzo Vecchio che è raggiungibile in pochi minuti attraverso una via piena di negozi…l’occhio qua e là è sfuggito!

Proseguendo sempre a piedi ho attraversato il Ponte Vecchio e ho raggiunto uno dei punti panoramici più consigliati, ovvero Piazzale Michelangelo.
Da qui la vista è davvero stupenda, tutta Firenze era sotto i nostri occhi. Almeno un quarto d’ora per scattare qualche foto è passata, per scendere siamo passati per una vietta accostata da ulivi.

L’ora del pranzo era arrivata e abbiamo deciso di fermarci ad una trattoria vista poco prima, la Trattoria Cent’Ori dove con 10€ a persona ho mangiato primo, secondo e dolce e tutto era squittito…abbiamo anche chiesto un bis per il primo, pasta basilico e peperoncino!

Dopo una piccola pausa siamo andati verso il Palazzo Pitti, qui abbiamo chiesto per i biglietti ma era ormai tutto chiuso (erano le 16:30) quindi siamo tornati verso il centro e abbiamo deciso di lanciare la monetina nella Fontana del Porcellino.
La tradizione vuole che dopo aver strofinato il suo naso si debba infilare una monetino nella bocca, se cade oltre la grata avrete fortuna, in caso contrario vorrà dire che si tornerete a Firenze (alleno così ci ha detto Alessandro ahahaha…). A me è passata subito oltre (…la solita fortunata) mentre al mio ragazzo c’è voluto un secondo tentativo ^-^

Siamo andati verso la via storica dove abitano tutti i fiorentini, Forte Belvedere, e ci siamo rintanati per il freddo e il vento al Palazzo Bardini dove c’era una mostra di vecchie locandine di cartoni come Topolino, Pinocchio, Harry Potter e alcune fotografie in esposizione proprio in quei giorni.
Nulla di più bello però è stata la terrazza che si trova proprio qui, per la seconda volta in questa giornata abbiamo avuto il privilegio di rilassarci un attimo ammirando Firenze da questa Villa, la Cattedrale sembrava vicinissima, Palazzo Vecchio sul lato e la Galleria degli Uffizi proprio lì davanti a noi.

Ormai stanchi siamo tornati al B&B per una rinfrescata e per la cena la nostra scelta è stata la Trattoria Zà Zà che mi ha consigliato una delle ragazze di IG.
Abbiamo cenato benissimo, come antipasto ci siamo divisi una bruschetta con pomodoro, poi il mio ragazzo ha preso la classica fiorentina e io le fettuccine sul ragù di cinghiale… tutto ottimo, l’unica pecca è stata la quantità un pochino striminziate del mio primo.
Vi consiglio questa trattoria per una cena speciale e se riuscite anche in questo caso prenotate.

Secondo giorno – Firenze in Love

Firenze in Love - Tutto il mio itinerario in 3 giorni joliedee

Il secondo giorno lo abbiamo dedicato alla visita del Campanile di Giotto e la Cappella della Cattedrale. Il biglietto lo abbiamo prenotato la mattina del giorno prima (durante il viaggio in treno) ed è costato 15€ a persona, un prezzo buonissimo considerando che oltre alla scalinata di entrambi comprende la visita all’interno della Cattedrale, il Battistero e il museo del Duomo che si trova proprio dietro.
Voglio rassicurarvi che le file che vedrete davanti a questi monumenti sono solo di persone che hanno prenotato la visita e ci sono posti limitati giornalieri, quindi anche se sembra infinita vi assicuro che una volta in coda ci vorranno dai 5 ai 10 minuti massimo per il proprio turno.

Purtroppo quel giorno una persona che aveva prenotato per la scalinata della Cupola è stata male (…spero davvero non sia successo nulla di grave) e ci sono stati dei ritardi per quanto riguarda gli accessi.
Quindi noi nel frattempo ci siamo messi in fila per salire sul Campanile di Giotto, mai scelta migliore perché proprio questi 414 gradini sono stati i più faticosi, alti e stretti, arrivi alla meta con il cuore in gola, nonostante ci siamo 4 diversi step di salita.
La parte più divertente è stata quando eravamo in alto perché la campana ha iniziato a suonare, davvero potente, inizialmente si sono tutti spaventati… però la vista da qui è molto bella e si rimane leggermente più in basso rispetto alla Cupola.
Una volta scesi siamo andati verso l’ingresso alla Cupola del Brunelleschi, da qui neanche 5 minuti e siamo entrati.
La salita è stata molto più semplice, soprattutto considerando che ci siamo fermati tantissimo tempo sia ad ammirare gli affreschi che per tutte le persone che c’erano.
E’ stato davvero bello arrivare sulla piccola terrazza, una vista pazzesca di tutta Firenze, in fotografia non sono riuscita a rendere minimamente l’idea e l’atmosfera che si percepisce da lì in alto.
Altri 463 gradini, era ora di pranzare e siamo andati al ristorante Peperoncino 13 tappi.

Dopo il pranzo ci siamo concessi un bel giro per le vie del centro e un po’ di shopping!
Ho comprato le cartoline, i magneti e anche una borsa in pelle… ne ho viste talmente tante da quando ero arrivata che non ho saputo resistere.
Più tardi invece siamo andati a vedere il Battistero, ne vale la pena perché è stupendo, e per stare al caldo verso l’imbrunire siamo andati al museo del Duomo.
Se avete del tempo da dedicarci vale la pena fare un giro anche lì perché c’è la costruzione a grandezza 1:1 del vecchio Duomo, con tutti i dipinti, le statue e gli attrezzi utilizzati per la costruzione.

La sera di San Valentino abbiamo prenotato al ristorante La Spada e qui nonostante la stanchezza ci siamo dedicati del tempo per noi.
Abbiamo mangiato benissimo e io alla fine non riuscivo neanche più a mangiare un boccone… ero pienissima!

Terzo giorno – Firenze in Love

Firenze in Love - Tutto il mio itinerario in 3 giorni joliedee

Il terzo giorno è stato molto più tranquillo dei precedenti perché sapevamo di dover tornare a casa. Le mie pianificazioni iniziali erano quelle di andare a Pisa ma poi la nostra voglia di vedere la Galleria degli Uffizi a preso il sopravvento.
Anche in questo caso abbiamo prenotato online il biglietto salta coda per le 9:30, orario ottimo perché c’era molta gente ma siamo riusciti a vedere tutto con calma. Quando all’uscita abbiamo intravisto la massa di persone che era pronta ad entrare ci siamo spaventati.
Quindi vi consiglio di alzarvi (nonostante l’idea non vi elettrizzi….) e andare il prima possibile, perché in caso contrario i quadri più belli e importanti vi assicuro che non riuscirete a vederli perché lì si concentrano i gruppi maggiori.

In due ci siamo anche divisi un audio guida, passavamo il tempo stretti stretti per riuscire ad ascoltare in due ^-^ ma è stato più che sufficiente per avere tutte le informazione sulle stanze e le opere.
Il percorso vi porterà al primo piano (che in linea teorica sarebbe il secondo) e successivamente al secondo (il primo nel nostro caso) e verso l’uscita.
Vedere dal vivo i quadri di Botticelli è stato stupendo, sono bellissimi e solo dal vivo si riesce a capire quanto lo siano.

Alle 11:30 avevamo finito il giro quindi abbiamo deciso di andare anche a Palazzo Vecchio, purtroppo abbiamo potuto fare il tour solo del museo e non anche la camminata sulla torre perché bisognava prenotare online…
Non male perché ho già intenzione di tornare a Firenze anche per vedere il Giardino di Boboli, magari in una stagione più carina dove sbocciano tutti i fiori.

Per il nostro ultimo pranzo fiorentino siamo andati all’Osteria Antica Mescita San Nicolò e anche qui la cucina locale non mi ha delusa.
Prima di tornare verso il B&B siamo passati per Palazzo Pitti e Piazza Santo Spirito.
Qui siamo entrati in un negozio di gioielli fatti a mano in Via dei Guicciardini e qui il mio ragazzo mi ha comprato un paio di orecchini in pieno stile fiorentino e un anellino con pietra nera, li vedrete sicuramente in qualche foto.

La parte più malinconica è stata dover tornare verso il B&B ma devo ammettere di essermi goduta a pieno Firenze. La prossima volta che ci tornerò sono sicura che sarà un giro molto più tranquillo.

Vino e Cibo

Un piccolo appunto lo voglio fare anche sul cibo e il vino rosso.
Se siete amanti della carne e dei primi qui troverete più di un posto dove mangiare davvero bene. Tra le bistecche, la fiorentina e diverse paste con ragù c’è ampia scelta e soprattutto non c’è bisogno di andare nei classici posti “solo per turisti”, vi basterà infilarvi in qualche vietta parallela e il gioco è fatto, le trattorie sono ottime. In quei pochi giorni ho preso anche l’abitudine del pane senza sale, all’inizio è stato destabilizzante ma quasi adesso mi manca.
Il vino è buonissimo accostato con questi piatti, solitamente ordino solo un calice che il più delle volte finisce il mio ragazzo ma solo perché sono facile ai capogiri.

Grazie al mio Fitbit sappiamo che in 3 giorni abbiamo percorso 55km a piedi, non abbiamo mai usato autobus, ma ci piace così.
Ammetto però che l’ultimo giorno avevo dei momenti durante la giornata dove sentivo tutta la stanchezza, mi sarei addormentata anche in piedi ^-^.

Vi lascio vedere le nostre tutte le nostre foto nella gallery e spero che questo mio articolo vi sia piaciuto!

Firenze in Love
Biglietti Museo Uffizi:
– prenotazione online salta fila
– 16€ a testa

Biglietti centro storico (Cupola, Campanile, Museo e Cattedrale):
– 15€ a persona

Biglietti del treno andata e ritorno:
– andata 44€
– ritorno 33€

Fatemi sapere nei commenti se siete mai stati a Firenze e cosa vi è piaciuto di più!

Tags from the story
Written By
More from Jolie idée

Prodotti Barnängen – Ora sono arrivati in Italia

L’articolo di oggi è dedicato ai prodotti Barnängen arrivati in Italia da...
Read More