Recensione La contessa nera di Rebecca Johns

Recensione La contessa nera di Rebecca Johns

Titolo: La contessa nera
Autore: Rebecca Johns
Anno di pubblicazione: 2011
Pagine: 323
Giudizio: 5/5 

Trama

Ungheria 1611, castello di Csejthe, nella torre più alta è murata viva la contessa Erzsébet Bàthory, costretta all’isolamento e alla prigionia finché il suo cuore cesserà di battere.
La contessa è incapace di accettare il decreto del conte palatino, non trova ragioni valide per questa infamia, nulla di ciò che ha fatto può giustificarla.
Questa è la sua storia, quando era ancora una bambina assistette ad atti di violenza indicibili, e appena adolescente fu costretta a sposare il violento Ferenc Nàdasdy, un uomo sempre in viaggio per la guerra.
Si ritrovò sola a governare il castello di Sàrvàr e ad addossarsi la responsabilità dei figli e proprio in questi anni strane voci iniziarono a spargersi sul suo conto, si vociferava di sparizioni di serve e di nobildonne, torturate e uccise, mai più ritrovate.
Chi è veramente Erzsébet? E’ solo una vittima o una carnefice senza pietà responsabile di orribili crimini?

Recensione La contessa nera di Rebecca Johns

“ La contessa nera di Rebecca Johns “ è ispirato alla figura della prima serial killer della storia, Erzsébet Bàthory, la cosiddetta “contessa sanguinaria”, torturatrice di centinaia di giovani donne.
Grazie a questo libro la protagonista, Erzsébet Bàthory, è entrata a far parte dei miei personaggi storici preferiti, una donna di carattere che cerca in tutti i modi di rimanere a galla in un mondo difficile, soprattutto per le donne; il suo punto di vista rende il personaggio molto più umano, aiutandoci a dimenticare i crimini che le ruotano intorno.
Le descrizioni dal punto di vista storico sono precise e mai noiose, ci fanno conoscere un mondo lontano per noi difficile da comprendere.
Lo stile narrativo rende la lettura piacevole e scorrevole, appassionante che cattura l’attenzione di noi lettori.
Consiglio “ La contessa nera di Rebecca Johns “ a tutti i lettori che vogliono immergersi in un tempo lontano e conoscere questo personaggio affascinante e allo stesso tempo tenebroso.

My favorite quote

Anche se Dio ti perdona, sei tu a non perdonare te stesso. Vivi nel rammarico come in una stanza rivestita di specchi che riflettono la tua immagine per l’eternità.

Quale emozioni hai provato durante la lettura?

Written By
More from Jolie idée

Review Mascara Hypnôse Drama Lancôme – Extra volume alle ciglia

Review Mascara Hypnôse Drama Lancôme La review di oggi è dedicata al...
Read More