Recensione La ragazza che leggeva nei cuori di Teri Brown

Recensione La ragazza che leggeva nei cuori di Teri Brown

Titolo: La ragazza che leggeva nei cuori
Autore: Teri Brown
Anno di pubblicazione: 2014
Pagine: 311
Giudizio: 4/5

Trama

Siamo negli anni ’20, Anna, fin da piccola, ha dovuto aiutare la madre, una famosa medium, nei suoi spettacoli, assecondandola e facendola apparire la regina del palcoscenico, così da nascondere la realtà e allontanare gli occhi del pubblico dai trucchi che, come una brava attrice, utilizza per fingere di avere quel dono tanto speciale che l’ha portata a girare il mondo.
Per qualche scherzo del destino Anna riesce a sentire i sentimenti degli altri e a predirne il futuro e da qualche giorno la sua visione ricorrente è quella di sua madre in pericolo, che urla e che si dispera, facendola quasi rimanere senza fiato; le visioni si fanno sempre più intense e spaventose e si ritrova costretta a confrontarsi con il passato e con il presente.
Riuscirà Anna a scappare da quel labirinto in cui è imprigionata e seguire il suo cuore?

Recensione La ragazza che leggeva nei cuori di Teri Brown

“ La ragazza che leggeva nei cuori di Teri Brown ” è un romanzo che ci catapulta nel mondo magico di Anna.
Gli anni in cui è ambientato sono i mitici Roaring Twenties (i ruggenti anni Venti), considerati come un periodo di rinnovamento artistico, sociale e culturale.
Anna è appena arrivata a New York, non conosce nessuno, non ha amici, i suoi continui viaggi l’hanno emarginata, costretta a vivere solo come assistente, ad esibirsi ogni sera ed aiutare una madre che non riesce ad amarla per quello che è, imprigionata in una vita senza amore.
Anna durante il romanzo compie una crescita interiore, diventando più determinata, più forte e consapevole delle sue abilità.
Harry Houdini aggiunge un tocco di magia alla storia, presunto padre di Anna, assente però dalla sua vita e forse inconsapevole anche della sua stessa esistenza.
Durante la lettura del libro “ La ragazza che leggeva nei cuori di Teri Brown ” la mia attenzione era completamente catturata da Anna e dai curiosi protagonisti come il signor Darby, le sue strambe invenzioni e i suoi sbalzi d’umore, solo il finale mi ha un po’ delusa, forse perché mi aspettavo un qualcosa in più.
Consiglio “ La ragazza che leggeva nei cuori di Teri Brown ” a tutti i lettori che vogliono addentrarsi in un racconto magico e guardare il mondo nascosto dietro le quinte di uno spettacolo d’illusione.

Quale personaggio di “ La ragazza che leggeva nei cuori di Teri Brown ” ti è piaciuto di più?

Written By
More from Jolie idée

BaByliss Curl Secret 2 – Review e Video

BaByliss Curl Secret + Arricciacapelli La review di oggi è dedicata al...
Read More