Recensione Molto forte incredibilmente vicino di Jonathan Safran Foer

Recensione Molto forte incredibilmente vicino di Jonathan Safran Foer

Titolo: Molto forte incredibilmente vicino
Autore: Jonathan Safran Foer
Anno di pubblicazione: 2005
Pagine: 384
Giudizio: 5/5

Trama

E’ l’11 settembre 2001, il caos regna a New York, le scuole rimandano a casa i bambini; uno di loro, uno dei tanti, tornato a casa in cerca di risposte, ascolta la segreteria telefonica, non sa ancora che questa sarà l’ultima volta che sentirà la voce di suo padre, l’ultima possibilità di parlargli.
Dopo un anno trova tra i suoi oggetti una busta, con all’interno una chiave, l’unico indizio a sua disposizione è il nome scritto sulla stessa busta: “Black”.
Oskar incapace di accettare la morte del padre, si convince che solo il signor o la signora Black potrà restituirgli un legame con lui, così inizia un’incessante ricerca che lo porterà da un estremo all’altro di New York bussando a decine di porte, una dopo l’altra, stagione dopo stagione, perdendo a poco a poco la sua speranza.

Recensione Molto forte incredibilmente vicino di Jonathan Safran Foer

“ Molto forte incredibilmente vicino di Jonathan Safran Foer ” è un libro intenso e commovente che lascia un segno indelebile dal quale non si può sfuggire.
Jonathan Safran Foer ha il merito di aver saputo raccontare una storia delicata e terribile allo stesso tempo mai banale e scontata, aggiungendo pagina dopo pagina un pizzico di speranza unito a qual malessere e impotenza che l’11 settembre ha marchiato in tutti noi.
Una lettura scorrevole che cattura la nostra attenzione; Oskar con la sua innocenza di bambino ci guida attraverso la nebbia fatta di paura, lacrime e speranza, tra tutte le persone che quel giorno in un istante hanno perso qualcuno, un figlio, un padre, un amico e allo stesso tempo nel loro desiderio di riscatto e nella voglia di alzarsi in piedi e andare avanti senza mai dimenticare quello che è stato.
Dal libro è stato tratto il film “ Molto forte incredibilmente vicino di Jonathan Safran Foer ” con Tom Hanks e Sandra Bullock che ha ottenuto due candidature agli Oscar 2012, come miglior film e miglior attore non protagonista.
Un libro consigliato a tutti, una storia vicino a noi e drammaticamente reale.

My favorite quotes

L’ignoranza è forse una benedizione, non lo so, ma a pensare si soffre tanto, e ditemi, a cosa mi è servito pensare.
In che grandioso luogo mi ha condotto il pensiero? Io penso, penso, penso, pensando sono uscito dalla felicità un milione di volte, e mai una volta che vi sia entrato.

Ho letto che è stata la carta a tenere acceso l’incendio nelle torri gemelle. Tutti quei quaderni, le risme di fogli per fotocopie, le stampate delle e-mail, le foto dei figli, i libri, i dollari nei portafogli e i documenti negli archivi. Erano combustibile. Forse se vivessimo in una società senza carte il mio papà sarebbe ancora vivo.

Cosa hai provato guardando le ultime immagini del libro?

Written By
More from Jolie idée

Pin Up Makeup Style – Il mio look

Il nuovo articolo di oggi è completamente dedicato al mio nuovo look,...
Read More